Auto elettriche: la Bosch vuole prevenire la scossa

La crescita dei veicoli elettrici pone al centro del dibattito il problema della sicurezza in caso di incidenti. Esattamente come avviene su qualsiasi altro veicolo, sono presenti dispositivi di sicurezza in grado di facilitare l’intervento dei soccorritori. Fanno parte di questa categoria i microchip progettati dalla Bosch in grado di disattivare i circuiti di alimentazione del veicolo in una frazione di secondo, così da permettere il pronto intervento da parte dei soccorritori. Infatti, in caso di incidente, il danneggiamento dei cavi potrebbe far arrivare la corrente della batteria (che forniscono una tensione da 400 a 800 volt) alla carrozzeria.

PICCOLE ESPLOSIONI – Il sistema progettato dalla Bosch, costituito da piccoli dispositivi di 10×10 mm e di pochi grammi di peso, si attiva quando il sensore legato all’airbag rileva un impatto, che innesca il pirofusibile in grado di produrre delle piccole cariche esplosive che interrompono intere sezioni di collegamento via cavo alla batteria ad alta tensione. In questo modo viene eliminato il rischio di shock elettrico o di incendio, anche per i soccorritori che, come è noto, devono avere una preparazione specifica per intervenire sui veicoli elettrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *