McLaren Senna GTR

La McLaren ha messo in mostra la versione finale della sua Senna GTR, che descrive come la sua auto da pista “più estrema”, appena un anno dopo la sua prima apparizione come concept car al Salone di Ginevra.

La sola vettura da pista è stata cambiata in diverse aree e secondo la McLaren ed è in grado di percorrere i circuiti più velocemente di qualsiasi altra vettura McLaren al di fuori della Formula 1.

Rispetto alla McLaren Senna, la versione GTR è più potente, pesa meno, possiede 1.000 kg in più di carico aerodinamico e ha sospensioni derivate dal programma McLaren’s GT3 race program.

Mike Flewitt, CEO di McLaren Automotive, “La McLaren Senna è stata progettata fin dall’inizio per essere un’auto da pista estrema, ma il concetto di GTR 2018 ci ha suggerito quanto più lontano potremmo andare e ora, liberi dai vincoli della legislazione sulle auto stradali e dalle regole della competizione motorsport, abbiamo spinto i limiti di ciò che è tecnicamente possibile per far progredire la capacità di guida su circuito ad un altro livello completamente.

La McLaren Senna GTR, si unisce alla McLaren Senna e alla McLaren Speedtail nell’Ultimate Series dell’azienda.

La sua McLaren V8 da 4,0 litri, con doppio turbocompressore, produce 813 CV, 25 CV in più rispetto alla Senna standard, mentre il peso a secco di 1.188 kg dà alla vettura un rapporto potenza-peso di 694 CV per tonnellata.

Il peso della versione GTR è di 10 kg inferiore a quello della Senna. La riduzione è stata ottenuta attraverso modifiche al telaio Monocage III-R che condivide con le altre vetture, principalmente l’aggiunta di più componenti in fibra di carbonio e la riduzione di parti di auto stradali.

L’aumento di 25 CV è stato ottenuto attraverso la ricalibrazione del controllo del motore e la rimozione del catalizzatore secondario per ridurre la contropressione.

La McLaren Senna GTR genera una deportanza di 1.000 kg, un aumento significativo rispetto agli 800 kg sviluppati dalla McLaren Senna su strada a 250 km/h (155 mph). Una diversa curva di deportanza significa che la Senna GTR può richiedere una quantità equivalente di deportanza alla McLaren Senna ad una velocità del veicolo inferiore del 15%, pur beneficiando di una minore resistenza aerodinamica.

Il pacchetto aerodinamico della McLaren Senna GTR offre effetti positivi nelle curve ad alta velocità, ma anche nelle curve a bassa velocità e in frenata, rendendo la vettura ancora meno sensibile al beccheggio e migliorando la stabilità in tutte le situazioni.

Lo splitter anteriore è stato riprofilato e il diffusore posteriore ridotto nelle dimensioni rispetto ai componenti della 2018 GTR Concept, per ottimizzare le prestazioni e soddisfare gli standard prestazionali richiesti in pista.

Altre modifiche rispetto al concetto includono nuovi aerei da immersione nelle curve anteriori e generatori di vortice su entrambi i lati della vettura per garantire un flusso d’aria stabile nella parte sottostante.

Le sospensioni a corsa variabile della McLaren Senna sono state sostituite da doppi quadrilateri in alluminio, molle, montanti e barre stabilizzatrici sviluppate a partire dalle sospensioni delle GT3 utilizzate per il programma McLaren’s customer racing.

Il GTR Senna ottiene anche 19in cerchi come la strada-legale Senna, ma di un centro-lock design. I cerchi in lega forgiati sono anche più larghi di quanto consentito dalle attuali normative GT3, essendo 10J all’anteriore e 13J al posteriore. I pneumatici da 19 pollici sono Pirelli slick, dimensioni 285/650 anteriore e 325/705 posteriore.

McLaren sta facendo 75 delle auto e tutte sono state vendute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *