Sony RX100 VI

La Sony RX100 VI è una fotocamera compatta di fascia alta rivolta a professionisti, appassionati e vlogger. Annunciato a giugno 2018, arriva 21 mesi dopo il suo predecessore e, come tale modello, ha un sensore più grande della media e caratteristiche di fascia alta in un corpo relativamente tascabile.L’RX100 VI è essenzialmente identico a Mark V e condivide lo stesso sensore da 1 megapixel con 315 punti di rilevamento di fase incorporati per una messa a fuoco sicura di foto e filmati, video 4K, scatto a 24 fps con autofocus e una vasta gamma di opzioni video al rallentatore a 240, 480 e 960 fps.
Inoltre eredita il mirino XGA OLED del Mark V, anche se ora è dotato del meccanismo a singola azione di RX1r II che consente di visualizzarlo o di spostarlo nuovamente in un unico movimento. Come il Mark V, c’è uno schermo da 3 pollici che può inclinarsi di 180 gradi per inquadrare il soggetto, anche se ora può inclinarsi più in basso di fino a 90 gradi per facilitare l’inquadratura dei soggetti direttamente sotto ed è finalmente sensibile al tocco.
L’aggiornamento principale è però l’obiettivo con RX100 VI che ora riesce a spremere in una gamma equivalente da 24-200mm con un rapporto focale f2,8-4,5 ragionevolmente luminoso in un corpo che ha la stessa larghezza e altezza di prima, ma solo 1,8mm spessa. Questa gamma conferisce a Mark VI una portata considerevolmente maggiore rispetto ai 24-70mm dei suoi predecessori recenti e porta infine una certa concorrenza ai modelli Lumix TZ100 / ZS100 e TZ200 / ZS200 di Panasonic e mentre la nuova Sony non condivide la loro portata ottica, la sua apertura è più luminoso e l’autofocus più efficace per l’azione di tracciamento.
Come una nuova generazione, la RX100 VI è anche equipaggiata con Bluetooth, S-Log 2 e 3 per la classificazione delle riprese, il video HLG HDR e la registrazione proxy. Purtroppo non c’è ancora alcuna possibilità di collegare un microfono esterno e il passaggio a uno zoom più lungo ha significato sacrificare l’apertura f1.8-2.8 e il filtro ND incorporato del suo predecessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *